Con la presente vi segnaliamo una serie di apparati in grado di generare forti campi magnetici normalmente sottovalutati per non dire ignorati; ci stiamo riferendo agli smagnetizzatori o demagnetizzatori benché siano presenti nella tabella 2 della EN 50499. In pratica si tratta di bobine (solenoidi) in cui viene fatta scorrere una corrente anche intensa in grado di smagnetizzare pezzi meccanici magnetizzati in precedenza a causa della lavorazione subita. Normalmente questi apparati si possono trovare senza nessuna segnalazione in mezzo alle officine meccaniche un po’ come si può vedere nella fotografia riportata di seguito.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

I valori di induzione magnetica nelle aree adiacenti sono elevati, e a distanze ravvicinate si possono anche superare i valori di azione ai sensi del Tit. VIII capo IV D.Lgs.81/2008. Per esempio nel caso della fotografia abbiamo rilevato i seguenti dati :

  • Sull’asse bobina a 20 centimetri = 1100 micro Tesla ZONA 2
  • Sull’Asse bobina a 1 metro = 123 micro Tesla ZONA 1
  • Lato bobina a 1 metro =    100 micro Tesla ZONA 1  

All’interno della zona delimitata (1,5 metri x 1,0 metri) non deve essere permesso l’accesso a soggetti sensibili agli effetti acuti dei campi elettromagnetici . All’esterno dell’area delimitata il transito e la permanenza non ha limitazioni in quanto i valori sono inferiori a 100 µT (1999/519/CE).

Addetti non riconducibili all’elenco dei soggetti sensibili possono accedere fino a 0,4 metri dal sistema (zona 1) . All’interno della zona 2 ovvero per distanze inferiori a 0,2 metri dal sistema non deve essere permesso l’accesso a persone neanche per brevi periodi.

 Misure di miglioramento proposte

  • Segnalare a terra per una distanza pari a 1,5 metri il divieto di accesso durante il funzionamento dello smagnetizzatore a persone sensibili.
  • Sarebbe preferibile installare un lampeggiatore (segnalatore acustico) per segnalare quando il sistema è in funzione.
  • Gli addetti che entrano nella zona 1 non dovranno appartenere all’elenco dei soggetti sensibili .
  • Sarà necessario approntare un sistema di movimentazione dei pezzi all’interno della bobina facendo in modo che gli addetti rimangano comunque ad almeno un metro dal sistema. Il sistema di movimentazione dovrà essere costituito da materiali amagnetici come per esempio plastica, alluminio, rame, legno, policarbonato.
  • Collocare adeguati cartelli UNI EN 7010

Di seguito si riporta una fotografia delle misure di miglioramento applicate dal nostro cliente:

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

 

  • Gli addetti non inseriscono più le mani all'interno della bobina, la movimentazione viene effettuata tramite un carrello in plastica e bastone. Questo tipo di movimentazione permette anche di rimanere in zona 0 in quanto per come è concepito il sistema l'addetto staziona a circa 1,5 metri dalla bobina.
  • La collocazione di pannelli orizzontali laterali in materiale amagnetico permette di impedire l'avvicinamento degli addetti alla bobina lateralmente oltre che ridurre notevolmente i valori di induzione magnetica.

 

Dott. Fisico Giovanni Gavelli & Partners

Via Cento 58 48022 LUGO (Ravenna) 

Cellulare  347 05 32 397 -  P.IVA 02737620399  Codice ATECO: 72.19.09

giovanni@gavelligiovanni.it

Questo sito è cookies free  ovvero c'è un solo cookie che serve per il funzionamento interno al server. 

 

Visite

  • Utenti 5
  • Articoli 135
  • Visite agli articoli 34449

Aree di attività 2024