Il gasolio è caratterizzato da una temperatura di infiammabilità superiore a 50 °C, di conseguenza a temperatura ambiente non sviluppa vapori potenzialmente infiammabili. In letteratura esistono però dei casi in cui alcune centrali a gasolio sono state oggetto di esplosione dovute al surriscaldamento di gasolio finito accidentalmente su parti calde degli impianti o per fuoriuscita in forma nebulizzata da tubazioni di alimentazione o durante il carico delle cisterne.

Il gasolio in forma nebulizzata risulta infatti, che se anche a temperatura ambiente,  infiammabile.

All’interno delle centrali termiche l’alimentazione dei bruciatori avviene nella parte bassa spesso tramite tubi flessibili. Durante il funzionamento e in caso di guasto/perdita è probabile la formazione di una nube di gasolio nebulizzato. Occorre proteggere/segnalare le tubazioni da urti o inciampi che potrebbero creare la fuoriuscita di gasolio ovvero fare attenzione a eventuali perdite e sgocciolamenti.

 Questo è il motivo per cui può capitare che in caso di incidente un automobile alimentata a gasolio (Autobus, articolato) prenda fuoco o addirittura esploda. La pressione generata durante l'urto può comprimere il serbatoio di gasolio e immettere nell'ambiente gasolio nebulizzato facilmente infiammabile.

 

Dott. Fisico Giovanni Gavelli & Partners

Via Cento 58 48022 LUGO (Ravenna) 

Cellulare  347 05 32 397 -  P.IVA 02737620399  Codice ATECO: 72.19.09

giovanni@gavelligiovanni.it

Questo sito è cookies free  ovvero c'è un solo cookie che serve per il funzionamento interno al server. 

 

Visite

  • Utenti 5
  • Articoli 135
  • Visite agli articoli 30519

Aree di attività 2024